Archive from febbraio, 2016
Feb 25, 2016 - Pasta fresca, Primi piatti    No Comments

Cannelloni ripieni alla carne

IMG_6734

I cannelloni alla carne sono tipicamente un piatto delle feste. Nessuno vieta però di cucinarli anche in un normale martedì della settimana. Ho fatto una sorpresa a mio marito che li adora…

Con l’aiuto delle mie bambine, siamo riuscite a prepararli in circa due ore e 1/2.

Ho preparato la pasta senza le uova, solo semola e acqua e devo dire che sono venuti davvero squisiti.

La dose è abbondante, io  ho messo anche una teglia in congelatore, diciamo che è per 10 persone.

INGREDIENTI:

Per la besciamella

  • 50 gr di burro
  • 50 gr di farina
  • 600 ml di latte
  • sale e pepe q.b.
  • 1 pizzico di noce moscata

Per il sugo di pomodoro

  • 1/2 cipolla tritata
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 1 bottiglia di passata di pomodoro da circa 800 gr
  • 3-4 foglie di basilico
  • sale q.b.

Per il ripieno

  • 1/2 cipolla tagliata sottile
  • 1 carota tritata
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 100 gr di mortadella tritata finemente
  • 800 gr di carne macinata mista di maiale e di manzo (io l’ho fatta passare 3 volte nel tritacarne)
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 uovo medio
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato + 2 per condire
  • sale e pepe q.b.
  • noce moscata q.b.

Per la pasta fatta in casa

  • 500 gr di farina di semola rimacinata + q.b. per tirare la sfoglia
  • 200 gr di acqua circa

Preparazione della besciamella

In un pentolino su fuoco medio sciogliere il burro e quindi aggiungere la farina. Mescolare bene con una frusta, in modo che non si formino grumi, quindi aggiungere il latte e cuocere finché il tutto si addenserà in una salsa. Mescolare di tanto in tanto con una frusta, specie verso la fine della cottura, per accertarsi che non ci siano grumi. Condire con sale, pepe e noce moscata e tenere da parte.

IMG_6731

Preparazione del  sugo (si può fare anche in anticipo)

Rosolare la cipolla nell’olio a fuoco basso per evitare che si bruci. Versare il pomodoro. Salare, aggiungere il basilico e lasciar cuocere la salsa per 30-40 minuti. Al termine della cottura eliminare le foglie di basilico e tenere da parte.

IMG_6732

Preparazione del ripieno

In una padella capiente rosolare la cipolla e la carota nell’olio per qualche minuto. Unire  la carne macinata, salare, pepare, aggiungere la noce moscata e rosolare la carne su fuoco medio-alto. Ci vorranno circa 20 minuti; a metà cottura, aggiungere il vino. A fine cottura, unire la mortadella tritata finemente e mescolare bene. Aggiustare di sale e pepe, spegnere il fuoco e lasciar intiepidire.

IMG_6730

Trasferire ora in una capiente ciotola,  la carne rosolata tiepida, l’uovo, il parmigiano, un mestolo di besciamella e uno di sugo di pomodoro. Mescolare bene il tutto, aggiustare di sale, pepe e noce moscata e riporre in frigo in attesa che sia pronta la sfoglia.

Preparazione della sfoglia

Su un piano di lavoro raccogliere la farina a fontana e aggiungere l’acqua poco a poco, lavorare bene fino a creare un panetto compatto e liscio. Se avete una planetaria, potete usarla per questa operazione servendovi del gancio a uncino.

Avvolgere il panetto in un foglio di pellicola per alimenti e lasciar riposare per 30 minuti circa.

Tirare la sfoglia con la sfogliatrice o per le più brave con il matterello. Dev’essere abbastanza sottile. Io l’ho tirata gradualmente dal n. 1 al n. 3 della mia sfogliatrice Kitchen Aid. Adagiare la sfoglia pronta su un canovaccio pulito e tagliarla in quadrati da 10 x 15 cm circa. Ripetere l’operazione fino a finire la pasta del panetto.

IMG_6733

Assemblare e cuocere i cannelloni

Distribuire 1 mestolo di besciamella e 1 di sugo di pomodoro sul fondo di una teglia da forno da 20X30cm.

Portare a bollore abbondante acqua salata e calare 4-5 rettangolini di pasta alla volta. Cuocerli per un minuto, quindi scolarli, passarli sotto l’acqua fredda e adagiarli su un canovaccio pulito. Asciugarli con un panno.

Mentre i rettangoli di pasta cuociono, riempire quelli già pronti con 2 cucchiai circa di ripieno ciascuno, avvolgerli su se stessi e adagiarli nella teglia con il bordo verso il basso. Allinearli uno vicino all’altro su un unico strato, quindi condire con metà della besciamella, metà del sugo rimasto e 1 cucchiaio di formaggio grattugiato. Adagiare sopra un altro strato di cannelloni e ricoprirli allo stesso modo.

Preriscaldare il forno ventilato a 180°C . Infornare e cuocere i cannelloni per 20 minuti circa. Negli ultimi 5 minuti, gratinare la superficie. Sfornare e lasciar riposare per una decina di minuti prima di servire. I cannelloni possono essere congelati.

IMG_6738

Una vera specialità, ve lo assicuro!

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

Feb 25, 2016 - Dolci lievitati, Ricette    No Comments

Maritozzi soffici semplici

IMG_6750

Il maritozzo è sempre strato uno dei miei dolci preferiti. L’altro giorno, girovagando sul web, mi sono imbattuta in questa ricetta. Siccome volevo realizzarli in giornata, ho usato lievito di birra, ma se avessi avuto più tempo, li avrei senz’altro fatti con pasta madre. Sarà per la prossima volta.

Ingredienti

250 gr di farina 0 (io ho usato tipo 1 Petra 1 Mulino Quaglia)

250 gr di farina di forza (io W360 Garofalo)

80 gr di zucchero semolato

65 gr di burro a pomata

2 gr di lievito di birra disidratato (o 4 gr di quello compresso) o 100 gr di pasta madre rinfrescata

160 ml di latte

160 ml di acqua

1 tuorlo

la buccia grattugiata di 1/2 arancia non trattata

i semi di 1/2 bacca di vaniglia

3 gr di sale

PER LA DECORAZIONE

4 cucchiai di zucchero semolato

4 cucchiai di acqua

zucchero semolato q.b.

ESECUZIONE

Per impastare io ho usato il Bimby, ma potete farlo tranquillamente con la planetaria oppure con le sante manine.

Setacciate le farine nella planetaria (o in una ciotola se si vuol fare a mano) aggiungete lo zucchero, il latte, il lievito sciolto nell’acqua, la buccia grattugiata dell’arancia, la vaniglia e il tuorlo. Iniziate ad impastare a bassa velocità e quando la farina avrà assorbito tutti i liquidi, aggiungete il burro morbido a pezzettini poco per volta. Alla fine aggiungete il sale e continuate ad impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo e liscio.

Coprite l’impasto con la pellicola e lasciate lievitare fino al raddoppio. Ci vorranno un paio di ore con il lievito di birra, circa 4 con il lievito madre.

IMG_6736

Dopo che l’impasto sarà ben lievitato, dividerlo in 9 parti uguali, meglio usare la bilancia per questa operazione, in modo che cuociano successivamente in modo uniforme. Formare quindi delle palline e metterle di nuovo a lievitare distanziandole tra loro, su una teglia coperta di carta da forno.

IMG_6737

Coprirle con pellicola da cucina per evitare che si secchino. Occorreranno circa 3 ore con lievito di birra, per questa seconda lievitazione, con lievito madre di più naturalmente.

IMG_6743

Cuocere in forno statico preriscaldato a 170 gradi per circa 20 minuti.

IMG_6744

Sfornare e lasciare raffreddare su una griglia.
Per la decorazione, sciogliere in un pentolino 4 cucchiai di zucchero in 4 cucchiai di acqua e lasciar raffreddare. Quando i maritozzi saranno freddi, spennellare con lo sciroppo ottenuto e spolverate con lo zucchero semolato.
IMG_6747
Vi consiglio di decorare con lo zucchero appena prima di servire, in quanto lo zucchero tende a sciogliersi dopo qualche ora.
Al prossimo pasticcio,
Paola e le torte

 

Feb 24, 2016 - Cioccolato, Dolci, Ricette    No Comments

Torta furba al cioccolato

 

IMG_6703

Un dolce molto goloso, tutto al cioccolato, che ci farà fare una bellissima figura con i nostri ospiti.

Per prepararlo, dobbiamo procurarci uno stampo (furbo) per le crostate di frutta, per farvi capire meglio vi metto la foto.

IMG_6705

Sul fondo ha una specie di gradino che crea nella base rovesciata, una superficie dove poter mettere un ripieno, nel nostro caso la ganache al cioccolato. Il mio misura 28 centimetri di diametro e per queste dosi è perfetto.

Non c’è il lievito nell’impasto, ma la consistenza è ugualmente morbida.

INGREDIENTI PER LA BASE

3 uova intere

100 gr. farina 00

100 gr. zucchero semolato

100 gr. burro fuso

100 gr. cioccolato fondente sciolto a bagnomaria o microonde

INGREDIENTI per il ripieno:

300 gr. di cioccolato fondente sciolto a bagnomaria o al microonde

200 gr. panna fresca per dolci liquida (Va bene anche hoplà)

Cioccolato bianco da copertura q.b. per decorare

ESECUZIONE

Iniziare montando in una terrina le uova con lo zucchero. Inserire il burro e continuare a mescolare. Aggiungere la farina setacciata ed infine il cioccolato fuso ma non caldo. Imburrare bene (non infarinare) la teglia mostrata in precedenza e versarvi dentro il composto.

Preriscaldare il forno in funzione statica a 180 gradi ed infornare per circa 15 minuti. Fare sempre la prova stecchino.

Non appena pronto, lasciarlo intiepidire e poi rovesciarlo su un piatto da portata.

IMG_6700

Per il ripieno:

In un pentolino, portare quasi a bollore la panna e versarla sul cioccolato fuso creando così una ganache. Emulsionare bene e far intipepidire. Versare nella cavità della base e livellare bene.

Lasciare rapprendere un pochino. Sciogliere il cioccolato bianco e formare con l’aiuto di un conetto di carta forno, tanti cerchi concentrici sul cioccolato scuro. Subito dopo, con uno stecco tracciare delle linee sul cioccolato bianco partendo dall’esterno sino ad arrivare al centro del dolce. Più facile a farsi che a dirsi.

Conservare il dolce in frigo e farlo acclimatare circa 1/2 ora prima di servirlo.

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

 

 

 

 

Feb 22, 2016 - Dolci, dolci senza uova, Ricette    No Comments

Crostata di frolla senza uova e senza burro

IMG_6096

La crostata di frolla senza uova e senza burro, è una ricetta dello chef Luca Montersino. Lui prevedeva la farina di farro, ma io ho preferito usare una farina di tipo 1. La dose è abbondante, usciranno 2 crostate medie.

INGREDIENTI

500 gr di farina di farro o farina di tipo 1 (io ho usato Petra 1 del Mulino Quaglia)

250 gr di zucchero di canna (io  zucchero semolato)

70 gr di olio extra vergine di oliva

70 gr di olio di semi (io olio di riso)

125 gr di acqua

12 gr di lievito per dolci

1 baccello di vaniglia o 1 bustina di vanillina

1 barattolo di confettura a piacere (io ho usato quella di pesche fatta da me)

ESECUZIONE

Sciogliere lo zucchero nell’acqua, unire il lievito, i due olii, la farina e i semi estratti dalla bacca di vaniglia.

Lasciare riposare in frigorifero. Prima di utilizzare la pasta frolla, lavorarla di nuovo mettendola in planetaria con 5 gr di acqua. Possiamo fare anche la versione al cioccolato utilizzando 470 gr di farina e 30 gr di cacao amaro in polvere.

 

IMG_6095

Stendere la frolla e rivestire una teglia imburrata, possibilmente dal fondo rimovibile.

Farcire con la confettura e decorare con strisce e cuoricini di frolla.

Cuocere in forno preriscaldato ventilato a 180 gradi fino a che sarà dorata. Non si colorirà molto visto che non ci sono le uova.

Sfornare, far intiepidire e sformare.

Lasciare raffreddare completamente su una griglia.

IMG_6098

Un’ottima alternativa leggera alla classica crostata.

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

 

 

Feb 22, 2016 - Dolci, Ricette    No Comments

Plum cake alle mele

IMG_6535

Perfetto per la colazione o la merenda, il plum cake alle mele è un dolce adatto a tutti! E’ anche poco zuccherato, così possono mangiarlo anche i soggetti perennemente a dieta.

INGREDIENTI per uno stampo 30×12

280 gr di farina per dolci

2 uova intere

100 ml di latte

50 ml di olio di semi

80 gr di zucchero semolato

semi di 1/2 bacca di vaniglia o vanillina

2 mele rosse (o una mela se grande)

1 bustina di lievito per dolci

un pizzico di cannella

PREPARAZIONE

Montare le uova con lo zucchero per circa 10 minuti, fino a quando risulteranno chiare e spumose. Aggiungere l’olio ed il latte, continuando a montare a velocità bassa. Infine unite la farina setacciata insieme al lievito, la vaniglia e la cannella in polvere.

Montare per qualche altro minuto fino a che non risulterà un composto liscio ed omogeneo. Imburrare ed infarinare una teglia da plum cake e versatevi l’impasto, livellando bene.

Togliere la buccia ed il torsolo alle mele. Tagliarle a fettine sottili e adagiatele sull’impasto, senza affondarle troppo.

IMG_6529

Cospargere con zucchero semolato e infornate a 170/180 gradi in forno statico preriscaldato per circa 30 minuti, verificando la cottura con uno stecchino di legno.

Far intiepidire il plum cake prima di toglierlo dallo stampo. Lasciarlo raffreddare completamente su una griglia.

IMG_6532

Spolverizzare con abbondante zucchero a velo.

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

Feb 22, 2016 - Dolci, Ricette    No Comments

Torta rovesciata di arance e yogurt

IMG_6686

La mia amica Pina mi ha regalato delle bellissime e buonissime arance che ha portato dalla sua terra, la Sicilia. Volevo farci un dolce che ne esaltasse la bontà ed ho pensato a questa torta, facile e realizzabile in poco tempo.

INGREDIENTI

3 piccole arance

125 gr yogurt bianco (io Muller)

25 gr di panna

20 gr di zucchero di canna

160 gr di zucchero semolato

160 gr di farina per dolci

50 gr di fecola di patate

2 uova medie intere

100 gr di burro fuso

1 pizzico di sale

1 bustina di lievito per dolci

gelatina di albicocche per lucidare

PREPARAZIONE

Lavare le arance e grattugiare la scorza di una di esse. Pelatele a vivo e tagliatele a fette sottili di 1/2 cm. Fare questa operazione su un piatto in modo da non perdere il succo.

Prendere una tortiera antiaderente da 26 cm e imburrarla (io ho rivestito di carta forno). Distribuire le fettine di arancia sulla base e cospargerle con zucchero di canna.

Sbattere le uova insieme allo zucchero e allo yogurt e panna, fino ad ottenere un composto spumoso. Unire il succo delle arance e la scorza grattugiata. Aggiungere la farina setacciata insieme alla fecola e al lievito.

Unire anche il sale. Incorporare alla fine il burro fuso. Versare il composto nella tortiera, sulle arance, e infornare in forno preriscaldato statico a 170/180 gradi per 35/40 minuti.

A torta raffreddata, ho lucidato con gelatina di albicocche.

IMG_6681

Morbidissima e profumatissima!

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

 

Torta di rose salata al prosciutto e formaggio

IMG_6556

Spesso mi capita di cucinare preparazioni come questa che le mie bambine adorano. Molte volte diventa la loro merenda a scuola e io sono ben contenta.

Naturalmente ho usato il mio lievito madre e anche nei giorni successivi questo rustico è rimasto davvero molto soffice. Per il ripieno ho scelto prosciutto e formaggio, ma possiamo mettere quello che più ci piace. La prossima volta proverò con mortadella e pistacchi.

INGREDIENTI per una tortiera da 31 cm di diametro

250 gr di farina di forza (io farina Panettone Mulino Quaglia)

250 gr di farina tipo 1 (io Petra 1 Mulino Quaglia)

150 gr di pasta madre

250 gr di latte

10 gr di malto o miele

20 grammi di zucchero

2 uova

100 grammi di burro di ottima qualità

15 grammi di sale

poco latte per spennellare

Per la farcitura
200 grammi di prosciutto cotto
300 grammi di mozzarella – parmigiano grattugiato q.b.

Procedimento
Porre il lievito nell’impastatrice con poco latte e il miele e avviare la macchina fino a che si sciolga. Aggiungere la farina setacciata e versare il latte a filo. Dopo avere raggiunto un impasto liscio e incordato, aggiungere le uova, una per volta, far incordare di nuovo.

A questo punto inserire il burro a pomata in tre volte, prima dell’ultimo inserimento aggiungere il sale.

Alla fine l’impasto deve essere liscio ed elastico. Lasciare riposare a temperatura ambiente 2 ore. Fare quindi le pieghe ogni mezz’ora per tre volte. Mettere in frigo due/tre ore per far rassodare l’impasto (se non si ha tempo di proseguire, anche tutta la notte).

IMG_6538

Nel frattempo tritare il prosciutto cotto con la mozzarella.

A questo punto prendere l’impasto, stendere, formare un rettangolo farcire, cospargere con il formaggio grattugiato e arrotolare.

IMG_6539       IMG_6540

Tagliare dei rotolini dalla lunghezza di circa cm 3, posizionarli nella teglia imburrata.

IMG_6541         IMG_6544

Coprire con pellicola da cucina e far lievitare fino al raddoppio, ci vorranno circa 8/9 ore a 28 gradi, spennellare la superficie con poco latte. Cuocere in forno statico preriscaldato a 180° per circa 40 minuti.

IMG_6546

Ecco l’interno, soffice soffice.

IMG_6557

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

 

 

Feb 21, 2016 - Dolci, Ricette, Ricette    No Comments

Chocolate Chip Cookies

IMG_6649

Una bella ricetta da fare con i nostri bambini, facile e veloce. Mia figlia di sette anni, a casa con l’influenza, mi ha chiesto di impastare dei biscotti insieme a lei. Ho cercato un po’ sul web ed ho trovato sul blog di Viva la focaccia, questi buonissimi dolcetti. Ci siamo messe subito all’opera e abbiamo preparato la merenda.

Ingredienti

  • 130 gr di zucchero di canna
  • 115 gr di burro a temperatura ambiente
  • 190 gr di farina 00
  • 2 gr aroma di vaniglia
  • 1 uovo intero
  • 2 gr sale
  • 2 gr di lievito per dolci
  • 150 gr di gocce di cioccolato fondente

PREPARAZIONE

Mischiate il burro a temperatura ambiente con lo zucchero. Aggiungete l’uovo, la vaniglia, ed il sale e mescolate bene. Setacciare la farina insieme al lievito ed unire al composto. Si otterrà una crema compatta e omogenea.

Aggiungere le gocce di cioccolato. Con un cucchiaio, formate dei pazzi più o meno sferici di pasta e metteteli su una teglia leggermente imburrata o ricoperta di carta forno.

Schiacciateli leggermente.

IMG_6561

Infornare in forno preriscaldato ventilato a 180 gradi e cuocere per circa  10-12 minuti.

IMG_6563

Mettete a raffreddare su una griglia.

Buon appetito e al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

 

 

Feb 21, 2016 - lievito madre, Pane, Ricette    No Comments

Pane semintegrale ai semi

IMG_6716

Un pane che davvero sa di buono. Da rifare al più presto, ha un gusto straordinario.

Ingredienti:

20 gr semi girasole

20 gr semi di chia

20 gr semi sesamo tostati

20 gr fiocchi di avena tritati

2 cucchiaini di germe di grano

250 gr farina di forza (io panettone Mulino Quaglia)

250 gr farina integrale (io Petra 9 Mulino Quaglia)

350 gr acqua

1 cucchiaino di miele

1 cucchiaino di sale

130 gr pasta madre

ESECUZIONE

In una ciotolina mescolare tutti i semi, il germe di grano e i fiocchi di avena macinati.

IMG_6696

Sciogliere la pasta madre nell’acqua con il miele. Unire le farine, i semi, l’avena e il germe di grano mescolati in precedenza. Quando il tutto è incordato, unire anche il sale ed ottenere un impasto omogeneo.

IMG_6697

Lasciate lievitare in una ciotola leggermente unta per un paio di ore a temperatura ambiente, coperta da pellicola.  Fare un giro di pieghe ogni ora per tre volte. Dare la forma al pane e mettere a lievitare con il lato della chiusura rivolto verso l’alto in un cestino foderato con un canovaccio ben pulito e cosparso di semola rimacinata.

Far lievitare nuovamente sino al raddoppio. Capovolgere delicatamente su una teglia coperta di carta forno. Fare taglio e infornare subito a 220 gradi in forno statico per 15 minuti e poi proseguire altri 45 min a 180 gradi.

Sfornare e lasciare raffreddare su una griglia.

IMG_6708

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

Cornetti morbidissimi alla Nutella

IMG_6374

La lavorazione di questi fantastici cornetti è un po’ lunga, ma ne vale assolutamente la pena. Saranno una merenda o una colazione perfetta!

Prepariamo il prefermento la sera prima.

INGREDIENTI PREFERMENTO

50 g licoli o lievito madre (25 g se fa molto caldo)
200 g farina di forza
220 g di latte

Mescolate tutti gli ingredienti, coprite la ciotola e lasciate fermentare per 8-10 ore. Si può anche lasciare qualche ora a temperatura ambiente e poi mettere in frigo. Quando sarà il momento di impastare, si farà acclimatare per un’oretta e si procederà con gli altri passaggi.

IMPASTO per 16 CORNETTI

Tutto il prefermento
100 g farina di forza
200 g farina tipo 1 (io ho usato Petra 1 Mulino Quaglia)
80 g di zucchero
2 uova medie
100 g di olio di semi di arachidi
scorza di un’ arancia non trattata
1 cucchiaino di sale

FINITURA

Nutella q.b.

latte q.b.

zucchero di canna

PREPARAZIONE

Nella planetaria mettere tutto il prefermento, lo zucchero, le uova. Con la foglia, far amalgamare. Unire la farina e la scorza d’arancia e con il gancio, impastare. Aggiungere il sale e far incordare. Ora unire l’olio facendolo assorbire poco per volta.

Sistemate l’impasto in ciotola e coprite con pellicola da cucina. Lasciate riposare l’impasto per un paio d’ore.

Stendete poi l’impasto ad un altezza di circa 3mm sul piano di lavoro infarinato.

Ritagliate dei triangoli di base 8cm e di altezza 20cm.

Formate i cornetti, farciteli con la Nutella e adagiateli su una teglia dove avrete steso un foglio di carta da forno.

IMG_6375       IMG_6376

Coprite con la pellicola trasparente e lasciate lievitare per 8-10 ore, dovranno triplicare di volume. Prima di infornare, spennellare con del latte e cospargere a piacere di zucchero di canna.

IMG_6383

Infornate in forno statico preriscaldato a 160° per circa 30′ (controllate la cottura)

Sfornare e lasciare raffreddare su una griglia.

IMG_6388

Saranno leggerissimi.

IMG_6390

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

 

Feb 15, 2016 - Pane, Ricette    No Comments

Brezel

IMG_6469

Era da tanto che volevo farli, mio marito che li ha mangiati diverse volte a Monaco in occasione dell’ Oktoberfest, me li ha chiesti spesso. Quando qualche giorno fa ho visto la ricetta di questi bellissimi Brezel a forma di cuore, non ho saputo resistere. Così ne ho fatti due a forma di cuore e tre tradizionali.

Era anche il giorno prima di San Valentino…non avevo scuse!

La ricetta è presa del Blog di Eva e Claudio di Fables de Sucre che ringrazio.

INGREDIENTI

(Dose per 5 brezel da 160 gr l’uno) 

  • 500 gr di farina 0 (io ho usato Farina Petra 1 del Mulino Quaglia)
  • 5 gr di lievito di birra fresco (io ho messo lievito disidratato)
  • 250 gr di acqua
  • 40 gr di burro a pomata
  • 10 gr di sale
  • 5 gr di zucchero

Per la soluzione di bicarbonato: 

  • 1,5 lt d’acqua
  • 80 gr di bicarbonato di sodio
  • 20 gr di sale

Per la rifinitura: 

  • Sale grosso

Versate nella ciotola della planetaria la farina, il lievito sciolto in una piccola parte dell’acqua, tutta la restante acqua e lo zucchero. Fate partire la macchina con il gancio  fino a quando l’impasto prenderà corpo, allora potrete aggiungere anche il sale. Inserite ora il burro in tre dosi, facendo assorbire la dose precedente prima di inserirne ancora. Portate l’impasto ad incordatura. Sarà piuttosto sodo. Mettetelo in una ciotola, copritelo con pellicola oppure un canovaccio umido e lasciatelo lievitare al caldo per 3 ore circa, deve raddoppiare.

Nel frattempo, preparate una casseruola larga, con la soluzione di bicarbonato. Mettete tutto a freddo, mescolate e lasciate riposare fino al momento dell’utilizzo.

Quando l’mpasto sarà raddoppiato, ribaltatelo sulla spianatoia senza aggiungere farina, sgonfiatelo con le mani e dividetelo con l’aiuto di un tarocco in 5 porzioni del peso di 160 gr  circa ognuna.

Importante: non fate prendere aria all’impasto, non dovrà asciugarsi la superficie altrimenti non farà attrito sulla spianatoia e non riuscirete ad allungarlo. Basterà coprire con pellicola.

Prendete una pallina di impasto per volta, lasciando le altre coperte e formate il brezel: allungate l’impasto usando i palmi di entrambe le mani, partendo dal centro e allungando il cordone verso l’esterno facendolo rotolare, lasciando il cordone più spesso nella parte centrale e lavorarlo più fine all’estremità.

Ogni rotolo di impasto dovrà essere circa 1,5 cm circa nella parte centrale e 8 mm circa alle estremità per una lunghezza totale di 1 metro.

Una volta ottenuto il cordone, formate una U, tenendo la curva verso la vostra pancia, prendete entrambi i cordoni fra le mani, portateli verso di voi, incrociateli (1 giro completo, ossia il cordone di destra passa a sinistra per poi tornare e destra), assicuratevi che l’incrocio sia centrato bene in proporzione al resto e schiacciate bene le estremità con i polpastrelli nella pasta per bloccarli e quindi chiudere il brezel.

Man mano che li formate, poggiateli su di una leccarda coperta da carta forno e teneteli sempre coperti. Non lieviteranno molto ma in forno non metterne più di tre per teglia.

Lasciateli riposare per 1 ora, coperti con pellicola. Passata l’ora di riposo, scopriteli e lasciateli all’aria a fare la pellicina per circa 30 minuti. Nel frattempo portare ad ebollizione la soluzione di acqua e bicarbonato che stava riposando e preparate una leccarda coperta da uno straccio di cotone o lino, pulito, per poggiarli quando li scolate.

 

IMG_6461

Se li avete chiusi bene, non sono così delicati, potete aiutarvi a sollevarli dalla carta forno andando sotto con un tarocco (io per evitare problemi, ho ritagliato la carta intorno ad ogni brezel in modo da sollevarli  non toccandoli ma prendendo i lembi della carta). Quando l’acqua bolle, immergeteli con delicatezza uno alla volta direttamente con la carta che toglierete subito dopo, per circa 20 secondi, se sono ben lievitati galleggiano, come vedete in foto.

IMG_6464            IMG_6463

Recuperateli con una ramina, scolateli molto bene e appoggiateli sul canovaccio che assorbirà la restante soluzione eventualmente rimasta. Quando avrete fatto la bollitura di tutti i pezzi, rimetteteli sulla leccarda con carta forno e lasciateli scoperti per il tempo necessario affinché il forno raggiunga la temperatura. Accendete il forno statico a 200°C. Prima di infornare, con una lametta praticate un taglio sulla pancia dei brezel, tenendo la lama a 45°. Cospargete di sale grosso e infornate, una teglia per volta, fino a coloritura.

IMG_6466

Ci vorranno circa 20/22 minuti, devono diventare scuri. Sfornateli, poggiateli su di una gratella e lasciate raffreddare.

IMG_6488

Si possono mangiare soli oppure con speck, altri salumi e sottaceti. Se non li consumate tutti, possono essere congelati e quando vi serviranno, basterà lasciarli a temperatura ambiente per qualche ora.

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

Feb 5, 2016 - Pane, Ricette, Rustici salati    No Comments

Triangoli al parmigiano da buffet

IMG_6181

 

Ed eccomi di nuovo con una ricetta sperimentata per preparare merende da portare a scuola per le mie due ragazze. Una fantastica scoperta questi saporiti triangoli al gusto di parmigiano. La ricetta è presa dal blog Fables de Sucre che vi consiglio di visitare. Farciti con prosciutto cotto, mortadella ed altri salumi, saranno apprezzati da tutti, grandi e piccini. Adattissimi ad un buffet, con la loro particolare forma, stupiranno i vostri ospiti.

INGREDIENTI

  • 500 gr di farina 0 (io ho usato la Petra 1 del Mulino Quaglia)
  • 325 gr di acqua
  • 10 gr di lievito di birra fresco (io ho usato 7 gr. di lievito di birra disidratato)
  • 5 gr di zucchero
  • 100 gr di parmigiano grattugiato
  • 13 gr di sale
  • 20 gr di olio EVO

ESECUZIONE:

Versate nella ciotola della planetaria la farina, il parmigiano con quasi tutta l’acqua, il lievito di birra  e lo zucchero. Fate partire la macchina usando il gancio e quando prende consistenza, aggiungete il resto dell’acqua in due o tre volte lasciandola sempre assorbire bene prima di aggiungerne ancora. Unire anche il sale e successivamente l’olio extravergine in più volte, facendolo sempre assorbire molto bene prima di aggiungerne dell’altro. Far incordare, l’impasto deve essere liscio, omogeneo, elastico e le pareti della ciotola perfettamente pulite.
Togliete l’impasto dalla macchina, formate una palla e metterlo a lievitare in una ciotola leggermente unta. Coprire bene con pellicola da cucina e lasciatelo lievitare al caldo (28°C) fino al raddoppio, 1 ora e mezza circa.

IMG_6170

Non appena avrà raddoppiato, mettere l’impasto sul piano di lavoro e sgonfiarlo delicatamente con le dita. Formare un rettangolo dello spessore di circa 1 centimetro.

Con una rotella tagliapasta, fate dei tagli paralleli dividendo l’impasto in tre strisce di circa 10 cm di altezza. Poi nel senso opposto fate dei tagli anch’essi paralleli, sempre dell’altezza di circa 10 cm, in modo da avere così dei quadrati. Questi ora andranno ancora divisi nel senso della diagonale per ottenere i nostri triangoli.

IMG_6172

Prendeteli delicatamente e poggiateli su di una leccarda coperta da carta forno lasciando dello spazio fra i triangoli. Coprite con pellicola senza pressare e lasciate raddoppiare. 

IMG_6180


Preriscaldate il forno a 200°C in modalità statica, scoprite i triangoli e lasciateli all’aria fino al momento di infornare. Appena il forno è caldo, spennellateli d’olio e create degli avvallamenti pressando con i polpastrelli, cospargeteli di semi di sesamo e cuoceteli per circa 15 minuti o fino a doratura.

Sono spariti in poco tempo. Dimenticavo, io li ho fatti raffreddare, tagliati a metà e congelati. Al mattino li prendo e li faccio scongelare. In pochi minuti sono pronte le merende per le mie bambine.

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

Feb 4, 2016 - Dolci, Dolci fritti, Ricette    No Comments

Frittelle di Carnevale (semplicissime)

IMG_6219

Oggi la mia bambina di 7 anni mi ha chiesto se potevamo cucinare insieme le frittelle. Avevano letto in classe la ricetta riportata sul libro di italiano. Come non accontentarla?

E’ una ricetta semplicissima, si prepara in 15 minuti. Divertitevi anche voi a farla con i vostri bambini!

INGREDIENTI

1 uovo intero medio

3 cucchiai di zucchero

semi di 1/2 bacca di vaniglia o 1 bustina di vanillina

1/2 bicchiere di latte

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

1 pizzico di sale

150 gr di farina 00

1/2 bustina di lievito per dolci

olio di arachide q.b. per friggere

zucchero a velo per decorare

ESECUZIONE

In una ciotola mescolare bene i 3 cucchiai di zucchero con l’uovo (noi abbiamo usato la frusta a mano), la vaniglia, il pizzico di sale.

Aggiungere il latte, l’olio e, un po’ alla volta la farina setacciata con il lievito.

Amalgamare bene il tutto, si dovrà ottenere un impasto morbido.

Scaldare in una padella l’olio a 160 gradi e, aiutandosi con un cucchiaino, cuocere le frittelle prendendone una piccola quantità per volta.

Girarle a metà cottura e quando saranno pronte, scolarle su carta assorbente.

Cospargerle di zucchero a velo.

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte