Archive from febbraio, 2015
Feb 22, 2015 - Dolci, Ricette    No Comments

Crostata di frolla alle mandorle con crema di ricotta

oggi 182

Un’altra crostata squisita, con ripieno di ricotta e cioccolato. Si può variare l’abbinamento, unendo alla ricotta dei canditi, dell’uvetta o quello che più si preferisce.

INGREDIENTI FROLLA

200 gr di farina

125 gr di farina di mandorle

125 gr di zucchero

125 gr di burro

Vaniglia o scorza di limone

1 uovo

½ bustina di lievito per dolci

1 pizzico di sale

Per la crema di ricotta:

500 gr di ricotta, 150 gr di zucchero,  2 uova, scorza grattugiata di limone, 100 gr di gocce di cioccolato fondente

Esecuzione

Nella planetaria mettete le due farine, aggiungete il burro e in seguito gli altri ingredienti. Impastare velocemente e far riposare in frigo per almeno ½ ora avvolto da pellicola.

Per la crema: setacciare la ricotta in una ciotola, unire i tuorli, lo zucchero e la scorza di limone. Montare gli albumi a neve ed incorporare anche questi al composto con una spatola, dal basso verso l’alto. Aggiungere il cioccolato.

Rivestire lo stampo imburrato con la frolla, tenendone da parte un po’ per le decorazioni. Riempire con la crema e decorare.

oggi 173    oggi 175

Cuocere in forno statico preriscaldato a 180 gradi per 35/40 minuti.

Usando questo stampo rettangolare, mi sono avanzati sia l’impasto che il ripieno, così ho fatto delle crostatine monoporzione:

oggi 183

Carine, vero?

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

Feb 22, 2015 - Dolci, Ricette    No Comments

Crostata di mele e crema frangipane

oggi 151

Tra le numerose crostate assaggiate, questa è sicuramente una delle mie preferite. La friabilità della frolla si incontra con la morbidezza della crema frangipane e la gustosità delle mele, che dire… assolutamente da rifare!

INGREDIENTI FROLLA (tortiera da 26 cm)

300 gr farina, 150 gr zucchero, 150 burro, 2 tuorli, 1 pizzico di sale, vaniglia o scorza di limone

RIPIENO

3 mele, una noce di burro, 3 cucchiai di zucchero, liquore strega, confettura di pesche o albicocche q.b.

CREMA FRANGIPANE

125 gr di burro, 125 gr di zucchero a velo, 125 gr di uova intere, 125 gr di farina di mandorle, 50 gr di farina 00 o 0.

DECORAZIONE

Mele a fettine per ricoprire (circa 3), gelatina di albicocche q.b. per lucidare

PREPARAZIONE

Cuocere le mele fatte a dadini con la noce di burro, cospargere con lo zucchero e poi fiammeggiare con il liquore. Lasciare raffreddare.

Per la frangipane, montare il burro morbido con lo zucchero, unire un uovo per volta, aggiungendo il successivo solo quando il precedente è stato assorbito. Incorporare le farine.

Rivestire la tortiera imburrata di pasta frolla, stendere un velo di confettura di pesche o albicocche sul fondo e sui bordi, ricoprire con le mele cotte a dadini.

oggi 138

Aggiungere la crema frangipane in uno strato uniforme aiutandosi con la tasca da pasticcere e decorare con le mele sbucciate e fatte a fettine.

oggi 143

Cuocere in forno statico a 180 gradi per circa 40 minuti.

Appena raffreddato, lucidare con la gelatina.

oggi 149

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

 

 

 

Brioche fior di latte con lievito madre

pane 144

 

Questa ricetta è presa dal blog  Fables de Sucre dei bravissimi Eva e Claudio. Svegliarsi al mattino e fare colazione con una brioche del genere, davvero non ha prezzo…

Potremo gustarla al naturale oppure spalmarvi confettura, miele o crema di nocciole.

La dose citata nella ricetta era per due brioches, io ho preparato una brioches e dei cornetti.

Dose per due tortiere tonde da 25 cm di diametro

  • 350 gr di Manitoba 00
  • 150 gr di Farina 00
  • 150 gr di Lievito naturale rinfrescato e raddoppiato
  • 250 gr di Latte intero
  • 10 gr di Miele d’acacia
  • 60 gr di Tuorlo d’uovo
  • 125 gr di Zucchero
  • ½ Bacca di Vaniglia
  • 5 gr di Latte magro in polvere
  • 100 gr di Burro
  • 2 gr di Sale

Per lucidare e rifinire:

  • 20 gr di tuorlo d’uovo
  • 20 gr di latte
  • q.b. di Zucchero in granella

PREPARAZIONE

Nella ciotola della planetaria inseriamo le due farine e il lievito ridotto a pezzetti, e facciamo girare piano con il gancio. Quando si è creato uno sfarinato iniziamo ad aggiungere il latte a temperatura ambiente dove avremo sciolto il miele. Assorbito tutto il latte ed avuto un impasto liscio  iniziamo ad aggiungere i tuorli un po’ alla volta fino al loro completo assorbimento, e fino ad avere un impasto incordato, che si stacca dalle pareti della ciotola. Aggiungiamo poi un po’ alla volta lo zucchero con dentro i semi estratti dalla mezza bacca di vaniglia, e dopo sarà la volta del latte in polvere (il latte in polvere è un insaporitore, in mancanza si può omettere senza compromettere la riuscita della ricetta). Mantenendo sempre l’impasto incordato, aggiungiamo poco alla volta il burro che abbia la classica consistenza a pomata (o lo scaldiamo qualche secondo al microonde stando attenti a non farlo sciogliere o lo lasciamo un paio d’ore a temperatura ambiente). Facciamo assorbire per bene tutto il burro prima di aggiungere il sale. Alla fine l’impasto deve risultare liscio, elastico e non appiccicoso.

Finito di impastare, la pasta ha bisogno di raffreddarsi almeno un’ora in frigorifero per far si che il burro, rapprendendosi , la renda più facilmente maneggiabile. Quindi dalla ciotola della planetaria ribaltiamo su un piano, facciamo una bella palla e riponiamo in una ciotola che copriremo con della pellicola prima di mettere in frigo. Riprendiamo dopo un’ora.

Formiamo un filone che va diviso in quattordici pezzi di circa 85 gr ciascuno.

pane 127

Quindi arrotondiamo e facciamone delle palline. Dopo aver imburrato le tortiere con burro morbido ma non sciolto e rimosso gli eccessi, sistemiamo una pallina al centro della tortiera e prese altre sei, le schiacciamo a farne dei salsicciotti che sistemiamo a raggiera intorno alla pallina centrale in modo equidistante.

pane 128

Lievitando, questa sistemazione gli conferirà la caratteristica forma di un fiore.  Riempite le due forme con sette pezzi ciascuno, le copriamo con la pellicola e le mettiamo a lievitare. Io ho lasciato lievitare circa 8 ore nel forno con la lucina accesa.

pane 134

Quando la massa avrà riempito tutti gli spazi,  è pronto per andare in forno, scopriramolo per una decina di minuti per far formare una pelle sottile sulla massa. Mischiamo il tuorlo con il latte, spennelliamo e cospargiamo con granella di zucchero.

pane 135

Inforniamo a 165°C in modalità statica per 35 minuti fino a doratura. Sforniamo e facciamo raffreddare su una gratella.

Questa è una pasta brioche molto versatile che si adatta ad essere usata in una moltitudine di modi, non solo realizzando una bella torta, ma anche per fare piccole brioche che si possono congelare e tirar fuori all’occorrenza, come merenda da portare a scuola, o come compagnia per un buon the durante una visita improvvisa. L’unica accortezza, regola generale della cottura in forno, pezzi più piccoli hanno bisogno di una temperatura più alta per meno tempo, vale a dire 180°C per circa 15 minuti.

Ed ecco l’interno, soffice soffice…

pane 149

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

Grissini aromatizzati al rosmarino

oggi 168

Una ricetta veloce e sfiziosa per riciclare il lievito madre in esubero. Uno snack da gustare in qualunque momento della giornata. Da fare in grosse quantità perché non si smetterebbe mai di mangiarli! E poi si conservano croccanti per diversi giorni chiusi in un sacchetto di stoffa o di plastica per alimenti.

INGREDIENTI

1 rametto di rosmarino fresco

200 gr di esubero di lievito madre solido

100 gr di acqua

1 pizzico di bicarbonato

50 gr di olio e.v.o.

200 gr di farina 0

50 gr di farina di farro

7-8 gr di sale

farina di semola rimacinata per spolverizzare

PREPARAZIONE

Tirare fuori dal frigo l’esubero di lievito un’ora prima di utilizzarlo, per farlo acclimatare. Nel frattempo, in una padellina antiaderente, far insaporire l’olio con il rametto di rosmarino ben lavato ed asciugato e farlo raffreddare.

Sciogliere il lievito madre fatto a pezzettini nell’acqua (si può utilizzare anche una planetaria o un robot, io ho usato il Bimby).  Aggiungere l’olio aromatizzato ed il rosmarino sminuzzato grossolanamente. Unire le farina ed il sale ed impastare sino ad ottenere un impasto sodo ed omogeneo.

oggi 164

Far riposare l’impasto per circa 1/2 ora coperto da pellicola, quindi procedere con la formazione dei grissini lunghi circa 20 centimetri. Rotolarli nella semola rimacinata e posizionarli su una teglia ricoperta di carta da forno.

oggi 166

Cuocere i grissini in forno preriscaldato ventilato a 200 gradi per circa 10 minuti e poi abbassare il forno a 180 gradi e cuocere per altri 10 minuti circa. Dovranno essere ben dorati. Sfornare e gustare….

oggi 167

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

 

 

 

 

 

 

Feb 4, 2015 - lievito madre, Pane, Ricette    No Comments

Pan carrè con lievito madre

frittelle 008

Cosa c’è di più genuino di una bella fetta di pane? Proprio perché amo far mangiare genuino ai miei cari, ho pensato di fare in casa anche il pan carrè che usiamo spesso soprattutto per la merenda a scuola delle bambine.

Fatto con il lievito madre poi, è veramente buono!

INGREDIENTI

300 gr. di farina 0

150 gr. di farina di forza tipo manitoba

150 gr. di lievito madre rinfrescato

340 ml. di latte

60 gr. di burro morbido o 60 gr. di olio di semi

1 cucchiaino di miele

1 cucchiaino di sale

PREPARAZIONE

Nella planetaria mettiamo il lievito fatto a pezzettini, il miele ed il latte tiepido e lo facciamo sciogliere.

Aggiungiamo poco alla volta le farine  setacciate e lasciamo lavorare la macchina sino a quando l’impasto sarà ben incordato e si staccherà dalle pareti. Aggiungiamo il sale e successivamente il burro morbido facendolo incorporare in piccole quantità. Mettiamo l’impasto ottenuto in una ciotola leggermente unta a riposare per circa mezz’ora coperta da pellicola. Rovesciamo l’impasto sul piano di lavoro e facciamo un giro di pieghe a libro. Raccogliamo l’impasto a palla, incidiamo la superficie con un taglio a croce e mettiamo in ciotola fino a quando avrà raddoppiato il suo volume (circa 6 ore).

Riprendiamo l’impasto, lo stendiamo delicatamente con le mani in un rettangolo lungo quanto il nostro stampo e lo arrotoliamo.

Foderiamo lo stampo da plum cake con la carta forno oppure spruzziamo con lo spray staccante e vi trasferiamo il nostro impasto.

Copriamo con pellicola e lasciamo lievitare per altre 5/6 ore. Dovrà arrivare al bordo dello stampo.

frittelle 002

Inforniamo in forno preriscaldato statico a 180 gradi per 30/35 minuti.

Sforniamo e lasciamo raffreddare su una griglia.

Si conserva in un sacchetto di plastica per alimenti per alcuni giorni.

Ottimo se bruschettato.

Per la merenda con la mortadella:

frittelle 009

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte