Archive from novembre, 2016
Nov 29, 2016 - lievito madre, Pane, Ricette    No Comments

Panini integrali a lunga lievitazione

IMG_0473

 

Nella mia famiglia preferiamo sempre di più il pane integrale e stavolta ho pensato di preparare non la solita pagnotta o filone, ma dei leggerissimi panini.

Come al solito io ne  preparo abbastanza e se non li consumiamo subito, li faccio raffreddare e li conservo in congelatore chiusi in buste per alimenti. Un attimo in microonde oppure un paio di ore a temperatura ambiente e saranno come appena sfornati. Provare per credere!

INGREDIENTI:
– 450 gr di farina integrale
– 100 gr di farina 0 (io Mulino Di Giulio)
– 150 gr di lievito madre rinfrescato
– 370 gr di acqua
– mezzo cucchiaino di miele
– mezzo cucchiaino di sale

PROCEDIMENTO:

Nella ciotola dell’impastatrice mettere il lievito madre tagliato in piccoli pezzi, le due farine, il miele e metà dell’acqua ed iniziare ad impastare.
Gradatamente aggiungere l’altra acqua e per ultimo anche il sale.

Impastare  fino a che sarà ben incordato.

Trasferire l’impasto sul piano di lavoro e far riposare una mezz’oretta coperto da una ciotola a campana. Fare un giro di pieghe a tre e far riposare ancora un’ora. Ripetere questa operazione altre due volte.

Posizionare quindi l’impasto  in un contenitore ermetico leggermente unto.

Mettere in frigo l’impasto a maturare fino al giorno successivo (può stare in frigo anche 2 giorni).
Farlo acclimatare un paio d’ore, dopo di che dividerlo in panetti da 80 grammi.

Appiattire quindi ogni panetto in lunghezza, dobbiamo formare un piccolo rettangolo e arrotolarlo dal lato corto.

Mettere su una teglia ricoperta di carta da forno, distanziandoli fra loro. Coprirli con pellicola da cucina e lasciarli lievitare sino al raddoppio.

Quando saranno ben lievitati, possiamo cuocerli in forno preriscaldato statico a 220° con un pentolino di acqua sul fondo.

IMG_0458

Prima di infornarli, praticare con una lametta un taglio verticale su ogni panino profondo circa 1/2 centimetro.

Cuocere per 10 minuti  a 220°,  tolgliere  il pentolino d’acqua e proseguire a 200 gradi per altri 20/25 minuti fino a quando non saranno ben coloriti.

IMG_0459

Sfornare e lasciare raffreddare completamente su una griglia.

IMG_0466

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

Nov 21, 2016 - Dolci, Ricette    No Comments

Bundt cake arancia e cioccolato

 

IMG_0502

 

L’abbinamento nei dolci del cioccolato con l’arancia, è uno dei miei preferiti. Quando ho letto di questa ricetta postata da Valerio Salatino del gruppo FB di Sara Papa, non ho potuto fare a meno di provarla subito.

Morbida e profumatissima, è davvero andata a ruba!

La ricetta prevede anche la fava Tonka che però non è facilemente reperibile dove abito, così io non l’ho messa.

INGREDIENTI

3 uova medie fresche
250 gr di zucchero semolato
150 ml di latte fresco intero
130 ml di olio di riso o di arachide
300 gr di farina per dolci
1 bustina di lievito per dolci
la scorza grattugiata di 1 arancia
1 fava tonka grattugiata (facoltativa)
100 gr di cioccolato fondente al 70%
1 pizzico sale

ESECUZIONE

IMG_0495
In una ciotola capiente, lavora con lo sbattitore elettrico 3 uova fresche intere a temperatura ambiente con 250 gr di zucchero semolato, fino ad ottenere un composto chiaro, ben montato e spumoso.

Ora aggiungi a filo 150 ml di latte e 130 ml di olio di riso o di arachide e mescola a mano con una frusta prestando attenzione a non smontare il composto. Aggiungi in due o tre riprese 300 gr di farina e la bustina di lievito per dolci precedentemente setacciati insieme.

Mescola con una spatola e con movimenti dal basso verso l’alto solo per il tempo necessario a rendere omogeneo il composto. Aggiungi una fava tonka grattugiata (facoltativa), la scorza dell’arancia bio grattugiata e il cioccolato fondente tagliato al coltello.

IMG_0496

 

Versa l’impasto nella teglia imburrata e infarinata e informa per circa 45 minuti in forno statico preriscaldato a 180° C.

 

IMG_0497

 

Vale sempre la prova stecchino. Sfornare, lasciare intiepidire e sformare su una griglia. Lasciare raffreddare completamente.

IMG_0499

 

Servire…

IMG_0509

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

Nov 14, 2016 - lievito madre, Pane, Ricette    No Comments

Piadina veloce con esubero di licoli

 

IMG_0519

La piadina è uno di quei piatti che piace un po’ a tutti. Può essere personalizzata mettendo nel ripieno quello che più preferiamo:  mozzarella, pomodoro e prosciutto, oppure rucola e stracchino, o ancora verdure, stracchino e salumi; insomma la scelta è illimitata.

Questa velocissima ricetta, è stata relizzata con esubero di licoli, ma se non ne avete, aggiungete all’impasto 50 gr di farina, 50 gr di acqua e un pizzichino di lievito per torte salate.

La farina da me utilizzata è una farina semintegrale di grano tenero. “Viene da una macinazione a cilindri con soli 3 passaggi (un mulino industriale ne ha 24). Il grano viene macinato e poi setacciato, eliminando solo la crusca più grossolana, lasciando tutto il resto nella farina a corpo unico, quindi ricca di fibre e con germe di grano all’interno! E’ la farina più semplice e più genuina che si possa fare perchè non viene raffinata!” Questo è ciò che mi è stato spiegato da uno dei proprietari del mulino.

Per farvi capire la bontà di queste piadine, posso solo dirvi che la mia famiglia si è lamentata perchè ne avevo fatte solo 4. Per la prossima volta sicuramente ne farò dose doppia.

INGREDIENTI

100 gr esubero di licoli
300 gr farina semintegrale di grano tenero Mulino Di Giulio
150 gr acqua
20 gr olio Evo
pizzico di sale
farcitura a piacere

ESECUZIONE


Impastiamo l’esubero con la farina e l’acqua. Aggiungiamo l’olio Evo e il sale e lavoriamo fino ad ottenere un impasto liscio che dividiamo in 4 panetti da 140 gr circa. Diamo loro una forma tonda.

IMG_0515

Aiutandoci con un po’ di farina, le stendiamo sottili sottili. Bucherelliamo con i rebbi di una forchetta e scaldiamo una padella antiaderente.

IMG_0516

Cuociamo ogni piadina qualche minuto per lato. Farciamo con il ripieno che preferiamo e passiamole qualche minuto nel forno o di nuovo sulla padella se preferiamo un ripieno caldo o con formaggio fuso.

IMG_0518

 

Buon appetito e al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

Nov 4, 2016 - Primi piatti, Ricette    No Comments

Cavatelli gorgonzola e speck

IMG_0402

Se non abbiamo molto tempo a disposizione ma vogliamo prepararci qualcosa di buono, possiamo provare questo primo piatto molto saporito. Se poi avete la possibilità come ho fatto io, di reclutare figlia e marito per farvi aiutare, allora ci vorrà davvero poco.

INGREDIENTI per 4 persone

per la pasta

150 gr di farina di semola semintegrale di grano duro (io Mulino di Giulio) 150 gr di farina di semola rimacinata 150 gr di acqua calda

Per il condimento

150 gr di gorgonzola 150 gr di speck a tocchetti o a stick olio evo q.b. cipolla q.b. un po’ di acqua di cottura della pasta

ESECUZIONE

Per preparare i cavatelli iniziate dalla pasta di semola, mescolate le due farine in una ciotola e trasferitele su una spianatoia, formando al centro la classica fontana. Aggiungete l’acqua poco alla volta e impastate. Lasciate riposare il panetto coperto con la ciotola a campana per una mezz’ora. Trascorso questo tempo, prendete un pezzo di pasta alla volta e con esso formate un “serpentello” non troppo sottile. Dividetelo in pezzetti larghi 3 cm circa. Esercitando una leggera pressione, scavate il cavatello al suo interno, passandolo su un riga gnocchi. Ponete i cavatelli su un vassoio cosparso di semola.

IMG_0397

Mentre prepariamo la pasta, mettiamo abbondante acqua in una pentola e portiamo a bollore. In una padella, mettere a rosolare la cipolla tritata con un filo di olio. Aggiungiamo lo speck e facciamo insaporire pochi minuti. Quando l’acqua bollirà, la saliamo e caliamo i nostri cavatelli. Copriamo e facciamo riprendere il bollore, quando torneranno a galla saranno pronti. Spezzettiamo grossolanamente il gorgonzola. Scoliamo la pasta e conserviamo un po’ di acqua di cottura. Nella padella dove abbiamo preparato il condimento, versiamo i cavatelli ed il formaggio, uniamo anche qualche cucchiaio di acqua di cottura ed amalgamiamo bene il tutto finché risulterà cremoso.

IMG_0400

Servire subito!

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

Nov 4, 2016 - Pane, Ricette    No Comments

Tarallini al vino

IMG_0389

 

Sapevo di dovermi armare di un bel po’ di pazienza per fare questi tarallini però ne è valsa davvero la pena. Sono friabili e saporiti proprio come quelli che spesso ho acquistato.

Ora potrò cucinarli ogni volta che ne avrò voglia.

INGREDIENTI per 2 teglie 

583 gr di farina 0 di grano tenero (500 gr se usiamo pasta madre solida)

120 gr di olio evo

150 gr di vino bianco

167 gr di esubero di licoli (250 gr se usiamo pasta madre solida)

20 gr di sale

aromi a piacere  (io ho usato origano, rosmarino e peperoncino)

ESECUZIONE

Sciogliere il licoli o la pasta madre con il vino, quindi aggiungere la farina, l’olio ed impastare, aggiungere sale e aromi e lasciare riposare l’impasto nella ciotola finché non giunge a bollore una pentola piena di acqua.

Formare i tarallini staccando dall’impasto dei piccoli cilindri da arrotolare a forma di tarallino. E’ qui che la nostra pazienza verrà messa a dura prova…

Calarli pochi per volta nell’acqua bollente finché non vengono a galla, quindi estrarli con la schiumarola e poggiarli su una teglia ricoperta con un canovaccio in modo che si asciughino un poco.

Sistemarli poi su una teglia rivestita di carta da forno e infornarli per 40-50 minuti nel forno preriscaldato a 200° statico, oppure a 180° ventilato per 35/40 minuti (io ho infornato con quest’ultima modalità due teglie contemporaneamente scambiandole di posto dopo 20 minuti). Sono venuti buonissimi!
Lasciarli intiepidire e poi conservarli in scatole di latta.
IMG_0390

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

Nov 4, 2016 - Dolci, Ricette    No Comments

Biscotti di Halloween

IMG_0368

 

E’ sempre divertente preparare i biscotti e questa volta ho provato la ricetta di Daniele Persegani, chef del canale Alice.

INGREDIENTI

300 gr di farina 00

150 gr di burro freddo a pezzetti

100 gr di zucchero semolato

un uovo intero

una bustina di vanillina

1 pizzico di sale

ESECUZIONE

Nella ciotola della planetaria versare la farina setacciata. Unire il burro e lo zucchero e con l’aiuto del gancio a foglia, far sabbiare il composto. Aggiungere la vanillina, il pizzico di sale e l’uovo. Attivare di nuovo la macchina a bassa velocità sino a quando il tutto si sarà ben amalgamato.

Raccogliere la pasta, formare una palla ed avvolgerla nella pellicola da cucina. Riporre in frigo per circa un’ora.

Trascorso questo tempo, rilavorare la pasta frolla e stenderla con il matterello su un piano infarinato.  Formare i biscotti, questa volta a tema Halloween, e porli su una teglia ricoperta di carta da forno.

 

IMG_0357

IMG_0358

Cuocere in forno preriscaldato ventilato a 180 gradi per 7/8 minuti. Dovranno essere leggermente dorati sui bordi.

IMG_0359

 

Se vogliamo, possiamo decorarli con un po’ di cioccolato fondente sciolto ed un conetto di carta.

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte

 

Dacquoise alle mandorle

 

dacquoise con crema nocciola

Nelle varie ricette di riciclo degli albumi, ce n’è una di rilievo: la daquoise.

Il biscotto dacquoise si può utilizzare come fondo per torte moderne (come mousse, bavaresi, ecc.) oppure per torte farcite con crema al burro, per mignon o altro.

Ha una consistenza molto morbida, grazie alla grande percentuale di umidità che dà l’albume, sostenuta anche dalla frutta secca in polvere che, contenendo olio, fa sì che il biscotto rimanga morbido e umido.

Io l’ho inizialmente conservata in congelatore per poi scongelarla in frigorifero e formarci un dolce monoporzione farcito di crema pasticciera alla nocciola. Devo dire che è stato un successone!

Ingredienti ricetta di Luca Montersino (io ne ho preparata metà dose):

400 gr di albumi

250 gr di zucchero semolato

375 gr di farina di mandorle

275 gr di zucchero semolato

100 gr di farina di riso o di frumento

ESECUZIONE

Montare gli albumi con 250 gr di zucchero. In un altro recipiente versare la farina di mandorle e miscelatela con 275 gr di zucchero e con la farina di riso.
IMG_9627
Mescolare dal basso verso l’alto il composto ottenuto insieme agli albumi montati, delicatamente per non farli smontare.
IMG_9629
Su una teglia rivestita di carta da forno, con l’aiuto di una sac a poche, formiamo delle strisce di impasto attaccate tra loro.
IMG_9630

 Cuocere in forno preriscaldato statico a 180 gradi a valvola aperta (con il forno leggermente aperto) per 12/15 minuti. Vale sempre la prova stecchino.

IMG_9631

 

Al prossimo pasticcio,

Paola e le torte